FAKENEWS: la bufala di Saviano che “preferisce salvare i clandestini che i terremotati viziati”

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Circola in rete, in particolare su Facebook, un’odiosa bufala creata per diffamare il noto scrittore Roberto Saviano.

Bufale create ad arte per generare odio e rancore e che nulla hanno a che vedere con la realtà.

Il problema è che queste notizie false però hanno una notevole diffusione sui social. Nel momento in cui scriviamo, la bufala di Roberto Saviano che avrebbe detto

“Sinceramente preferisco salvare i rifugiati e i miei fratelli clandestini, che aiutare qualche terremotato italiano e viziato”

ha raggiunto su Facebook oltre 20 mila condivisioni. 20 MILA CONDIVISIONI.

BUFALA SAVIANO

BUFALA SAVIANO

Una frase ovviamente MAI PRONUNCIATA e che ha davvero dell’incredibile. Abbiamo visionato la puntata della trasmissione a cui si fa riferimento nella bufala e possiamo dire con certezza che MAI Roberto Saviano ha pronunciato quelle parole.

Vi alleghiamo la puntata, in modo che potete voi stessi verificare.

Scorrendo il profilo di Lara Pedroni che ha diffuso questa bufala, ci si imbatte in numerose altre fakenews che hanno lo stesso artifizio: virgolettare delle frasi mai dette per farle apparire più vere. Cosa che trae in inganno il pubblico poco attento di Facebook.

Profilo che apparentemente è falso ma che ha una posizione politica chiara. Infatti è presente il logo del Movimento 5 Stelle.

Ci chiediamo come Facebook possa ancora consentire la diffusione di simili diffamazioni senza prendere alcun provvedimento.

Speriamo si trovino presto delle soluzioni.

Intanto esprimiamo solidarietà a Roberto Saviano e a tutte le vittime di questo ignobile meccanismo teso a screditare le persone.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Voi cosa ne pensate di questo problema? A voi è mai capitato di imbattervi in bufale come queste? Leggiamo i vostri commenti. E ricordatevi di condividere su Facebook questo articolo!

 

Daniele Cinà

Storyteller. Digital Strategist. Human. Ammiro la Comunità di Sant’Egidio.

Storie e segnalazioni, scrivere a danielecina1@gmail.com 

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Commenta questo articolo

2 Comments

  1. il popolo 20/07/2018
    • Daniele Cinà 20/07/2018

Leave a Reply