Virginia Raggi e la bufala del fruttivendolo abusivo a Roma

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Ieri la sindaca di Roma Virginia Raggi ha scritto un post su Facebook a proposito della “lotta all’abusivismo” che il Comune di Roma avrebbe cominciato sul territorio della città. Peccato che, ad una visione più attenta, le fotografie a corredo del post non si riferiscano alla Capitale, bensì alla Turchia!

Basta guardare il nome delle fragole esposte per constatare che sono indicate come “Cilek“, che significa sì “fragole”, ma in Turco!

 

Attraverso una ricerca sull’immagine, siamo infatti risaliti all’autore e ai dati originali della fotografia postata dalla sindaca.

Ebbene, la foto si riferisce a “Fruttivendolo a Eyüp”, scattata da G. Dall’Orto il 30 Maggio del 2016 in Turchia, appunto,

come gli stessi dati EXIF dell’immagine dimostrano.

Dunque, a nulla sono servite le nuove assunzioni fatte dalla Giunta a 5 Stelle del comune di Roma, che avevano visto aumentare il numero degli addetti alla comunicazione di ben tre unità. Infatti, uno dei requisiti principali indicati nel bando era “l’ottima conoscenza dei programmi di editing e delle tecniche standard di fotoritocco“. 



A questo punto ci chiediamo, insieme ai cittadini romani che ogni giorno fanno la gimcana tra venditori abusivi, camion bar e ristoranti improvvisati sui marciapiedi:

Se le immagini si riferiscono ad un altro Paese, l’intervento, almeno, è davvero avvenuto a Roma?

In attesa della risposta della sindaca, a noi non resta che constatare che a Roma, quantomeno in Campidoglio, stanno alla frutta.





Storyteller. Digital Strategist. Human. Ammiro la Comunità di Sant’Egidio.

Storie e segnalazioni, scrivere a danielecina1@gmail.com 

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Commenta questo articolo

Leave a Reply