Luigi Di Maio prende casa al Colosseo. A sua insaputa?

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Il leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio cambia casa.

Come riferisce oggi il Messaggero, Luigi Di Maio ha preso casa a pochi passi dai Fori Imperiali, vista Colosseo. Dopo aver abitato per anni a Trastevere, forse anche a causa della separazione con la compagna con cui divideva l’abitazione, Luigi Di Maio ha dunque cambiato il suo domicilio.

Tale trasferimento è documentato anche dalla dichiarazione di trasparenza depositata dal M5S al ministero dell’Interno.

Dopo anni di propaganda contro la casta e i privilegi dei politici, Luigi Di Maio dunque corona il suo sogno, e prende casa a pochi passi da quella che destò un grandissimo scandalo, ovvero “la casa di Scajola”. Una vicenda che rese celebre l’ex ministro per la clamorosa frase “a sua insaputa”.

Ma al di là della coincidenza sul medesimo invidiabile affaccio sul Colosseo, quello che colpisce è una seconda coincidenza.



Sempre nell’atto di trasparenza depositato al Ministero degli Interni, si legge che Luigi Di Maio“è domiciliato in Roma, in via del Colosseo”. Indirizzo che coincide con quello del “legale rappresentante”del Comitato del Movimento 5 Stelle per le imminenti elezioni politiche sul modulo di donazioni superiori a 5 mila euro rintracciabile sul Blog delle Stelle.

Ed ecco la coincidenza curiosa: tra i promotori di questo Comitato spunta il nome di  Vincenzo Spadafora, fedelissimo braccio destro di Luigi Di Maio e candidato per la Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Casoria.

Ma chi è Vincenzo Spadafora?




A farcene un quadro abbastanza chiaro e sintetico è il giornalista Emiliano Fittipaldi in un suo post su Facebook di oggi, dove sottolinea le relazioni di Vincenzo Spadafora proprio con Angelo Balducci, invischiato proprio nella vicenda della casa con affaccio sul Colosseo di Scajola.

“Guido Bertolaso, l’amico della cricca che amava i massaggi, è stato assolto. Angelo Balducci, capo della Cricca, è stato condannato a sei anni di carcere in primo grado.
Chi, nel 2009, assunse il figlio (che faceva l’attore) all’Unicef? Chi scattava sull’attenti al telefono dicendo “Agli ordini presidente” quando Balducci gli chiedeva favori?
Ma Vincenzo Spadafora, oggi braccio destro di Luigi Di Maio e candidato del M5S. Il nuovo che avanza”.

Emiliano Fittipaldi

Ma al di là di queste coincidenze e relazioni una cosa è certa: da anticasta a casta, il passo è breve. Galeotta fu la vista sul Colosseo.





Daniele Cinà

Storyteller. Digital Strategist. Human. Ammiro la Comunità di Sant’Egidio.

Storie e segnalazioni, scrivere a danielecina1@gmail.com 

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Commenta questo articolo

17 Comments

  1. Pasquino 09/02/2018
    • Daniele Cinà 10/02/2018
      • Luca 10/02/2018
        • Stefano 11/02/2018
      • Marco Lovecchio 14/02/2018
  2. Sergio 11/02/2018
    • Daniele Cinà 11/02/2018
      • St0 c4zz0 12/02/2018
        • Daniele Cinà 12/02/2018
  3. maurizio pompei 11/02/2018
  4. Patrizia 11/03/2018
    • Daniele Cinà 11/03/2018
      • Patrizia 12/03/2018
        • Daniele Cinà 12/03/2018
          • Patrizia 12/03/2018
          • Daniele Cinà 12/03/2018

Leave a Reply