La rivolta degli attivisti storici del M5S. Volano stracci

Da mesi è in rivolta il nocciolo duro degli attivisti storici del M5S.

La rivoluzione voluta da Davide Casaleggio, con il nuovo statuto, non è piaciuta ai tanti attivisti del movimento fondato da Beppe Grillo.

Anche l’allontanamento del comico genovese, con la riappropriazione del suo dominio beppegrillo.it, dove non appare più nemmeno il simbolo del Movimento da lui fondato, è stato percepito da molti analisti politici e da una parte molto rilevante di sostenitori del M5S come l’ennesimo segnale di abbandono verso i principi fondativi del Movimento.

Anche la scelta di Luigi Di Maio come “capo politico” del M5S non è piaciuta.

Luigi Di Maio, infatti, è stato sempre ritenuto dai più “talebani” come troppo dialogante con “i poteri forti” che hanno sempre rappresentato il nemico numero uno del movimento.

Con i suoi viaggi, nella City di Londra,  le giravolte sul tema dei vaccini o dell’euro, gli eventi organizzati con pezzi di establishment, ha alimentato una diffidenza sempre più crescente tra i militanti più sospettosi.

Diffidenza sfociata, nell’ala più radicale del movimento, nell’abbandono del “nuovo” Movimento 5 stelle.

L’ultima defezione che ha fatto rumore è quello di Andrea Tosatto, psicologo genovese che adesso vive a Dubai. Un noto attivista di ferro sui social network, famoso in rete per le sue posizioni contro i vaccini diffuse attraverso video virali.

Ma il suo abbandono è stato mal digerito da chi è rimasto nel movimento. Infatti è partita la solita macchina del fango contro chi non si allinea.

In molti infatti hanno accusato Tosatto di “buttare fango” immotivatamente sul Movimento. Ma la risposta di Andrea Tosatto a questa accusa non tarda ad arrivare pubblicamente sul suo profilo Facebook.



Ecco come Andrea Tosatto spiega meglio le motivazioni del suo abbandono volontario dal M5S:

 

Mi accusano di buttare fango sul Movimento.
Ma io mi limito a dire la mia e ad informare dalla mia bacheca come ho sempre fatto.
Dovrei essere ringraziato per questo, visto che lo faccio gratis. Altro che offese.
Cioè io alla fine dico solo:
1) Ragazzi occhio che fino al 2012 nella Casaleggio Associati c’era un membro Aspen, Presidente della Camera di Commercio Usa. Probabilmente imparentato con i Rothschild.
2) Guardate che Fioramonti ha lavorato per il Chairman dei Rothschild, per la fondazione Rockefeller e che le prefazioni dei suoi libri gliele fa Giovannini, vicino a Soros e all’Aspen, già ministro del lavoro del Governo Letta.
3) Guardate che il braccio destro di DiMaio è un residuato dell’Udeur di Mastella, fan di Montezemolo, allevato dai Gesuiti. Uno che ha fatto carriera su intercessione di Mara Carfagna ed è passato sotto Rutelli e Pecoraro Scanio.
4) Guardate che Paragone era membro della fondazione Vedrò di Gianni Letta.
5) Guardate che Carelli è vicepresidente di Confindustria Radio Tv e vicino a Confalonieri.
6) Guardate che la Fattori lavorava per le multinazionali del farmaco.
7) Guardate che ci sono ex piddini ed ex renziani candidati.
8) Guardate che Borrelli stava cercando di entrare in Alde, il partito più Europeista di tutti e gode della stima di Monti.
9) Guardate che lasciar intendere che tutti gli esclusi sono pezzi di merda è una cosa brutta perchè la maggior parte sono persone perbene tagliate fuori ingiustamente per far posto a raccomandati.
10) Guardate che a Beppe non hanno dato indietro tredici anni di blog quando è andato via. Beppe non ha più il suo blog storico e i post li ha qualcun altro e li imbosca.
11) Guardate che nel Mov c’è gente che arriva da Scientology.
12) Guardate che Gigino va in Europa a dire che agevolerà i pignoramenti da parte delle banche.
Bon.
Dove sono gli attacchi?
Io vi informo.
Se queste cose vi piacciono votateli.

Andrea Tosatto



 

 

COMMENTA E CONDIVIDI IL POST SUI TUOI SOCIAL




 

Esperto di comunicazione digitale, influencer, autore e regista TV. Segue le dinamiche della politica, e non solo. Si definisce “cinico filantropo”.

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Leave a Reply