Il grande flop delle parlamentarie a 5 stelle

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Giornate complicate per il M5S. Con l’esclusione di molti attivisti storici, monta la polemica sulla metodologia di scelta dei candidati al Parlamento per il Movimento fondato da Beppe Grillo.

Molti lamentano anche il rallentamento della piattaforma che pare sia saltata innumerevoli volte a causa dell’elevato traffico degli aspiranti onorevoli.

Una pioggia di ricorsi è prevista dunque nelle prossime ore. Molte anche le esclusioni che fanno discutere, come quella del vignettista Marione.

Ma a muovere anche altri dubbi è il giornalista Edoardo Buffoni, caporedattore di Radio Capital che ironizza sulla curiosa selezione che vede assistenti e familiari passare avanti.

Tra i questi, il giornalista cita:

  •  l’assistente del consigliere De Vito
  •  l’assistente della deputata Ruocco
  • il compagno dell’assistente della deputata Lombardi
  • il marito della consigliera Rosella

Insomma, una selezione tutt’altro che meritocratica, come sempre sbandierato dal capo politico del M5S Luigi Di Maio, ma che appare invece legato a vecchie logiche clientelari.

Daniele Cinà



Storyteller. Digital Strategist. Human. Ammiro la Comunità di Sant’Egidio.

Storie e segnalazioni, scrivere a danielecina1@gmail.com 

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Commenta questo articolo

Leave a Reply