A Como vietato restare umani

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Nella benestante Como, questo Natale fioccano multe.

Agli evasori fiscali? No. A chi commette abusi? Ma figurati.
Le multe della vergogna sono solo per chi non ce la fa. Per chi è rimasto senza una casa e vive per strada. Per chi chiede di essere aiutato con qualche spicciolo, e così facendo deturpa le sfarzose vie dello shopping natalizio.

Con loro, multati anche i volontari che la mattina hanno la sfrontatezza di portare una bevanda calda a questi poveri disgraziati.

Come si permettono di allungare la mano d’aiuto verso chi è piegato dalla miseria?

Come si permettono di umiliare così chi passa oltre senza nemmeno uno sguardo di compassione?



E così, col fastidio di vedere all’opera chi ha sentimenti migliori dei propri, il sindaco emette l’ordinanza della vergogna. Con tanto di sequestri coatti di cappellini e cartoni dove ripararsi dal freddo pungente, in un maldestro tentativo di nascondere il proprio fallimento rappresentato da donne e uomini in stato di abbandono.
Così la povertà diventa la vergogna da nascondere sotto il tappeto rosso del Natale.
Ma la povertà di cui ci si dovrebbe vergognare non è questa.
È quella dell’animo e dello spirito, per cui non c’è alcun rimedio. Nemmeno una stupida multa.

Storyteller. Digital Strategist. Human. Ammiro la Comunità di Sant’Egidio.

Storie e segnalazioni, scrivere a danielecina1@gmail.com 

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Commenta questo articolo

Leave a Reply